Cirò Marina

Vota questa località


  1

 

 

 


Perchè dovresti visitarla?

Per la bellezza del mare e la qualità dei servizi balneari Cirò Marina è da molti anni una meta turistica rinomata, ottenendo nel 2017 per la 17ª volta la Bandiera Blu, e nel 2017 per la quinta volta la Bandiera Verde delle spiagge. La città è nota per il vino Cirò DOC ottenuto dai vigneti composti dal vitigno Gaglioppo e per le Clementine di Calabria, prodotto IGP.

Un po di storia non guasta...

Dopo l'iniziale sviluppo dell'antica Krimisa, che doveva trovarsi sul litorale non distante da Punta Alice, furono poi le zone interne e collinari a svilupparsi maggiormente, anche a causa della pirateria che flagellava il litorale con le frequenti incursioni saracene. Ad oltre 300 m di quota si trovano infatti i villaggi di Crucoli, Cirò e Strongoli, che conservano ancora le tradizioni tipiche dei villaggi interni di Calabria, tra cui ottimi esempi di artigianato tipico come tessuti ed oggetti d'arte.

Enogastronomia

La Sardella è il tipico caviale di Crucoli eseguito con arte e passione utilizzando gli avannotti di sarda, il peperoncino ed il finocchio selvatico, legati con il sale. Segnaliamo anche gli ottimi vini della zona, con numerose case vinicole che operano nel territorio di Cirò.

Cultura ed Eventi

Presso i Mercati Saraceni si svolge durante l'estate l'importante rassegna di Cirò d'Arte. Da non perdere, alla seconda domenica d'agosto, la Sagra della Sardella a Crucoli.

Archeologia & Architettura

A Cirò Marina è consigliabile una visita al Museo Civico Archeologico che è stato inserito el Castello Sabatini e nell'ottocentesco Palazzo Porti. Qui si possono ammirare alcuni reperti scavati nei pressi del santuario di Apollo Aleo: tra essi spiccano una maschera di terracotta, un probabile capitello del tempio e alcuni frammenti di una statua bronzea, oltre che varie statuine ed antiche monete. Da vedere a nord di Cirò Marina i Mercati Saraceni luogo antico che viene ora utilizzato per spettacoli e manifestazioni culturali. Punta lice per la sua posizione orientale è stata teatro di parecchie incursioni dei pirati saraceni, anche in periodi relativamente recenti come quella del 1802 che posa fine in pratica alla celebre fiera di S.Croce che si teneva nei mercati fino al 1818.
Monumento da visitare a Cirò è sicuramente il castello Sabatini, una imponente costruzione a torrioni quadrangolari, che domina il paesaggio dall'alto della collina di Madonna d'Itra, con vista sulla marina. Tra le chiese ricordiamo anche la chiesa di San Cataldo. Sulla costa si ergono invece due torri d'avvistamento saracene: la Torre Vecchia e la Torre Nuova. La prima sorge sul promontorio della Madonna di Mare, mentre la costruzione più recente fu voluta per proteggere il lato meridionale della costa di Cirò.

Natura & Spiagge

La pineta, ubicata a ridosso della fascia costiera che da Punta Alice si estende fino a Madonna di Mare, ricopre una parte di territorio pari a circa 62 ettari. Da dicembre 2011 il sindaco con un'ordinanza ha vietato l'accesso all'interno con mezzi meccanici. Il 1º maggio 2013 è stato inaugurato il Bosco dei Cacci, area pic nic attrezzata all'interno della Pineta.
La spiaggia di Cirò Marina è l'attrazione turistica più importante della zona, seguita a ruota dlla spiaggia della Torretta di Crucoli, che si trova appena più a nord, poco prima della foce del fiume Nicà. In mezzo rimane la Punta Alice, la seconda punta più orientale della Calabria, superata in longitudine unicamente da Capo Colonna. Presso la punta la spiaggia raggiunge l'estensione più ampia, con l'arenile, frammisto a ciottoli, che supera i 180 m di profondità. La zona di Punta Alice è famosa per l'avvistamento dei delfini, che spesso vengono a lambire le sue coste, ed è dominata da un grande faro. Nelle vicinanze del faro si trovano i resti del basamento di un antico tempio greco, dedicato al dio Apollo Aleo, un probabile riferimento all'antica Krimisa.

Gallery